Google offre un servizio di DNS dinamico gratuitamente!

09-06-2020 ddns dns dinamico google no-ip

Forse lo avrò accennato qualche volta, in qualche sezione del sito, Google è stato uno dei primi registrar a vendere i domini con estensione .dev ed io ne ho subito acquistato uno.

Fino dal primo momento ho apprezzato Google Domains. Interfaccia piacevole e pulita, pagamenti e scadenze chiari e ben organizzati e tante altre piccole funzionalità che magari non ti cambiano la vita, ma tornano utili (una di queste, ad esempio, è la possibilità di gestire il redirect sulla versione https del sito direttamente dall’interfaccia di Domains senza fare nessuna configurazione sul tuo server).

Ho scoperto solo qualche settimana fa’ che, incluso nel costo del servizio dominio, Google ti regala anche il DNS Dinamico.

Cos’è ed a che serve il DNS dinamico?

Potrebbe capitare, per un qualsiasi motivo, di aver bisogno di un IP statico per la tua abitazione o azienda. Potresti averne bisogno per un impianto di video sorveglianza che vuoi controllare da remoto, un server o un NAS al quale vuoi accedere anche da smartphone in connessione 4G, insomma ognuno ha le sue necessità :)

Alcuni fornitori di servizi internet mettono a disposizione il servizio di IP statico in modo gratuito, altri invece si fanno pagare (anche abbastanza caro) o semplicemente non ne consentono l’attivazione a meno che tu non abbia un piano contrattuale business.

Se con il tuo operatore non puoi avere un IP statico c’è un rimedio semplice e veloce: il DDNS

DDNS sta per Dynamic DNS. Ma come funziona? Niente di troppo complesso, te lo spiego subito!

Il funzionamento è semplice:

  • si sceglie un servizio di DDNS
  • il servizio ti assegnerà (o ti farà scegliere) un sottodominio
  • con un programma installato su un tuo server/pc o tramite configurazione diretta del tuo router devi inviare il tuo IP
  • il servizio che hai scelto provvederà a far puntare al nome di dominio che ti ha assegnato l’IP che gli hai appena comunicato.

Andiamo per step.

Devi iscriverti ad un servizio di DNS Dinamico (io fino a poco fa’ utilizzavo no-ip, che ha alcuni limiti ma anche questo è gratuito). In fase di iscrizione puoi creare un nome mnemonico del tipo: ufficio.nomedominiodelservizio.ext, nel caso di Domains invece potrai creare direttamente dei tuoi sottodomini: ufficio.nomedeltuodominio.ext.

Creazione sottodominio DDNS su Google Domains

Creazione sottodominio DDNS su Google Domains (click per ingrandire)

Una volta creato il nome devi segnalare il tuo IP al servizio. Come ti dicevo puoi farlo tramite un programma da installare o tramite configurazione del router. Google nella sua guida consiglia DDclient e INADYN e ti segnala anche le varie configurazioni che devi inserire per settarli a dovere.

Io ho scelto di configurare direttamente il router. Il mio router però non supporta nativamente Domains ma, oltre ad avere alcuni servizi pre-configurati, per il quale devo solo riempire username e password, mi consente di inserire manualmente tutti i parametri API necessari per segnalare il mio IP ad altri servizi.

Ti allego lo screen:

Configurazione router per DDNS con Google Domains

Configurazione router per DDNS con Google Domains (click per ingrandire)

  • URL server DNS Dinamico: `https://:@domains.google.com/nic/update

Se non vuoi installare e configurare nessun programma ed il tuo router non supporta la funzionalità di aggiornamento del DDNS, puoi inserire in un cronjob sul tuo pc questo semplice script bash (script valido per Google Domains).

USERNAME=""
PASSWORD=""
HOSTNAME=""

# Resolve current public IP
IP=$(curl -s "https://domains.google.com/checkip")
# Update Google DNS Record
URL="https://${USERNAME}:${PASSWORD}@domains.google.com/nic/update?hostname=${HOSTNAME}&myip=${IP}"
curl -s $URL

Finita la procedura, se hai fatto tutto correttamente, quando ti colleghi al nome di dominio che hai scelto “risponderà” il tuo IP attuale ed ogni volta che l’IP cambierà il programma o il router provvederà a segnalarlo. Tu non dovrai fare nient’altro.

Ping al dominio DDNS

Ping al dominio DDNS (click per ingrandire)

Tutto quello che c’è dopo (portforwarding, installazione e configurazione di servizi su un server, etc) è da fare a parte ovviamente.

Sapevi già di questa funzionalità messa a disposizione da Google Domains? Hai già utilizzato un servizio di DDNS? Quale usi e come ti trovi? Scrivimelo nei commenti.

A presto

AP

Se non visualizzi il blocco dei commenti è perchè non hai accettato i cookies.
Cancella le preferenze del tuo browser per questo sito, aggiorna la pagina ed accetta i cookies.